Il piccolo Stefano non è morto per meningite, ipotesi infarto

L'autopsia ha escluso che il bambino di 3 anni di Buttigliera Alta sia morto per meningite, cosa ipotizzata dal primo referto del medico legale dopo il decesso

Il piccolo Stefano non è morto per una meningite. Lo ha stabilito l'autopsia effettuata nella giornata di ieri dal medico legale Roberto Massazza che, esaminando i tessuti, non ha rilevato nulla che potesse far pensare ad una meningite.

Il bambino di tre anni di Ferriera, frazione di Buttigliera Alta, potrebbe essere deceduto per un problema cardiologico. Lo stabiliranno gli esami che i medici stanno effettuando all'ospedale Regina Margherita di Torino. Subito dopo la morte del piccolo Stefano era stata disposta la profilassi antimeningococcica per circa 85 persone che avevano avuto contatti con il bambino. Questa è stata ora sospesa.

IL DECESSO DI STEFANO
Martedì mattina la tragedia: Stefano ha la febbre e la mamma chiama la scuola del figlio, l'istituto Aquilone, per avvisare che il bambino è malato e per quella giornata sarebbe stato assente. Lo lascia nella sua stanza e quando torna da lui lo trova senza vita. Immediato il soccorso dell'ambulanza, a cui fa seguito l'elisoccorso. Si teme da subito che la causa del decesso sia una meningite fulminante.

I genitori dei compagni di scuola di Stefano iniziano un tam tam di chiamate e corse verso l'istituto Aquilone per saperne di più. Il rischio di contagio è altissimo in caso di meningite, e infatti viene attivata in giornata la procedura di profilassi per tutte le persone entrate in contatti con il piccolo negli ultimi giorni, sorellina, insegnanti e assistenti scolastici compresi.

La conseguenza della morte del bambino è tangibile proprio a scuola. Nei giorni successivi, ancora questa mattina, sono pochi i genitori che portano i propri figli all'Aquilone. Per rispetto nei confronti della famiglia distrutta e del piccolo Stefano che non c'è più gli insegnanti hanno deciso di annullare i festeggiamenti e le sfilate di Carnevale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento