Cronaca

Maltempo: chiesto lo stato di calamità per i mercati cittadini

Nessun mercato cittadino è stato risparmiato dal forte temporale: "Pioggia e vento hanno danneggiato banchi, ombrelloni, tende mentre parte della merce deve essere buttata, specialmente nel settore dell'abbigliamento"

Danni causati dal maltempo, foto di Maurizio Bolgiaman

Il maltempo di ieri mattina ha messo la città in ginocchio. Tra i tanti danni causati molti sono stati quelli subiti dai marcatali che, quando è iniziata la pioggia e il forte vento, erano già nelle zone loro assegnate per lavorare.

"I banchi sui mercati erano già tutti montati e quindi sono stati colpiti in pieno dall'eccezionale evento atmosferico". A dirlo è Johnny Iorio, presidente dell'associazione degli ambulanti aderente alla Confesercenti. "Pioggia e vento hanno danneggiato banchi, ombrelloni, tende mentre parte della merce deve essere buttata, specialmente nel settore dell'abbigliamento: le attrezzature non possono essere immediatamente sostituite o ripristinate, e i rifornimenti di merce non sono immediati"

E' per queste ragioni che l'Anva ha chiesto lo stato di calamità naturale per i mercati cittadini. Sono centinaia infatti le aziende danneggiate, molte delle quali non potranno nei prossimi giorni riprendere l'attività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo: chiesto lo stato di calamità per i mercati cittadini

TorinoToday è in caricamento