rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Stalking a Torino, perseguita l'ex fidanzata 13 anni dopo la fine del loro rapporto: condannato

L'uomo era stato arrestato dopo essersi presentato nell'attività gestita dalla donna

Aveva cambiato idea addirittura 13 anni dopo la fine della loro storia d'amore sbocciata e conclusasi in brevissimo tempo quando erano ancora ragazzini e aveva iniziato a tormentare la sua ex disturbando anche i genitori di lei. Per questi fatti, avvenuti tra maggio e dicembre 2018, quando l'uomo, un 31enne italiano (oggi 35enne) di Torino, fu arrestato dalla polizia con l'accusa di atti persecutori, ieri, mercoledì 9 febbraio 2022, il protagonista è stato condannato a sei mesi e 20 giorni di reclusione. Una pena che ha tenuto conto del fatto che una perizia gli ha riconosciuto un vizio parziale di mente. Non è chiaro quale sia stata la molla che ha fatto ripartire il rancore e i conseguenti comportamenti illegali da parte dell'uomo.

L'accusa è stata sostenuta in aula dal pm Marco Sanini della procura cittadina, che all'epoca coordinò le indagini degli investigatori. Da queste risultò che l'uomo, dopo 13 anni di completo blackout nei rapporti con l'ex ragazza, che gestisce una escape room in città, dopo che nel maggio 2018 si era presentato a casa dei genitori di lei e dopo averla perseguitata per mesi, a dicembre era riuscito a presentarsi all'interno della sua attività utilizzando uno pseudonimo per prenotarsi. A quel punto la donna, spaventata, aveva chiesto l'intervento della polizia. In aula è stato lui a sostenere di avere subito reati da parte della controparte, ma il giudice non gli ha creduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalking a Torino, perseguita l'ex fidanzata 13 anni dopo la fine del loro rapporto: condannato

TorinoToday è in caricamento