menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Per mesi appostamenti vicino al negozio, regali, richieste di attenzione e minacce: stalker arrestato

Aveva iniziato a perseguitare la vittima a ottobre e ha ripreso a farlo dopo il lockdown

È stato un crescendo nel tempo e le attenzioni sono diventate persecuzioni nel corso dei mesi, interrotte solo dal lockdown. Nell’ottobre 2019 un italiano di 43 anni inizia a recarsi in un negozio del centro città rivolgendo le sue attenzioni verso una commessa. A dicembre l’uomo comincia ad entrare nel negozio con più frequenza, quasi una volta al giorno: a volte fa acquisti, ma spesso cerca sola di parlare con la ragazza e in sua assenza chiede di lei ai suoi colleghi.

La situazione poi peggiora: spesso l’uomo bivacca difronte al negozio cercando di attirare l’attenzione della giovane, fatto che le provoca uno stato di agitazione. Lo stalker le fa anche consegnare dei fiori, chiede di poterle parlare fuori dal negozio e in una circostanza arriva a minacciare anche un amico della vittima. 

Solo il lockdown e la chiusura degli esercizi interrompono i comportamenti persecutori. Il primo giorno di riapertura, però, lo stalker si ripresenta e staziona tutta la giornata dinanzi all’ingresso del negozio. A fine turno la ragazza va a prendere l’autobus, l’uomo la segue e le borbotta delle frasi. Il giorno successivo il 43enne si posiziona di nuovo nei pressi del negozio e fissa la vittima minacciosamente. La donna contatta il 112 NUE, ma quando le forze dell’ordine arrivano lo stalker si è già allontanato.

Nei giorni successivi il 43enne ricompare: diventa sempre più minaccioso e in una circostanza mentre la vittima è seduta in un dehor le lancia contro un mazzo di fiori e se ne va. Giovedì scorso, 3 giugno, l’uomo si approccia nuovamente in modo molesto alla ragazza la quale chiama la polizia. Intervengono gli agenti del commissariato Centro che arrestano lo stalker per atti persecutori. Una volta in auto, l’arrestato continua a minacciare la vittima battendo i pugni sul finestrino della volante. L’uomo, con diversi precedenti a carico, proseguirà poi nel suo atteggiamento aggressivo indirizzandolo verso i poliziotti, fatto che gli varrà anche la denuncia per violenza o minaccia a pubblico ufficiale.      
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento