menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stadio, la Sala Rossa ha detto sì alla concessione decennale al Toro

Il provvedimento sostenuto da Piero Fassino, aspettava l'approvazione del Consiglio comunale. La società di Cairo corrisponderà alla Città un canone annuo di 500 mila euro

La concessione decennale dello Stadio Olimpico al Torino Calcio è stata accettata in Sala Rossa. Il Consiglio comunale ha dunque detto sì al provvedimento, sostenuto dal primo cittadino Piero Fassino e illustrato in aula dall'assessore allo Sport Stefano Gallo. Il Toro dovrà corrispondere al comune, proprietario dell'impianto, un canone annuo di 500 mila euro, rivalutato annualmente in base agli scatti Istat.

Affitto stagionale che è stato raddoppiato ma che è comunque assolutamente conveniente se si pensa che in dieci anni la società di Urbano Cairo corrisponderà alla Città circa 5 milioni di euro, cifra che Milan e Inter pagano in un solo anno per giocare a San Siro.  

Il documento prevede poi che il Toro abbia l'utilizzo dello Stadio non esclusivo: il Comune infatti potrà concedere l'impianto per concerti o altre manifestazioni. E per ciò che riguarda la manutenzione, il Toro dovrà occuparsi di quella ordinaria mentre quella straordinaria spetterà sempre all'amministrazione.

Proprio a questo proposito è stata istituita una Commissione consultiva mista composta da sei membri: tre in rappresentanza del Toro Calcio e tre della Città. Saranno inoltre rimborsati al Comune, le spese sostenute per il servizio di viabilità attorno allo Stadio, effettuato dalla Polizia municipale, durante gli incontri. .

Il Consiglio comunale ha inoltre approvato una mozione, presentata da Luca Cassiani, presidente della V Commissione, che chiede di perseguire comunque l'obiettivo di una cessione al Toro dell'impianto, nell'ambito di un progetto urbanistico di riqualificazione, simile a quanto già fatto per la Juventus.

Soddisfatto il sindaco Fassino: “E’ un buon accordo che prevede una concessione decennale e il raddoppio del canone rispetto a quanto la società granata ha pagato finora - ha dichiarato -. Resta valida l’ipotesi di cedere l'impianto in diritto di superficie al Torino F.C, ma è bene ricordare che finora la società calcistica non è stata disponibile a questo genere d’intesa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento