Cronaca

Bici in metro, finita la sperimentazione si tirano le somme

Per l'assessore Lubatti la sperimentazione è stata ben recepita dai torinesi. Non la pensa così il sindacalista Russo che, dati alla mano, ne mostra il fallimento

La fase di sperimentazione che ha permesso ai ciclisti di accedere in metropolitana in bicicletta si è conclusa da pochi giorni (il 30 novembre scorso) ed è arrivato il momento di tirare le somme .
"Questa fase ci ha permesso di capire che il servizio di trasporto bicicletta è stato ben recepito dai cittadini ed è tecnicamente sostenibile", il commento dell'assessore comunale ai Trasporti Claudio Lubatti. Tesi che però cozza con quella che da tempo sostiene il sindacalista Rsu dell'Ugl Salvatore Russo, che, dati alla mano degli accessi in metro dei ciclisti durante le domeniche degli ultimi mesi, accusa l'assessore di voler fare solamente campagna elettorale visto che i numeri "attestano il fallimento della sperimentazione".
Secondo Russo, che oltre sindacalista è anche dipendente Gtt proprio in metropolitana, durante la fase di sperimentazione si è registrata una media di poco superiore alle dieci biciclette scese in metropolitana a domenica. "Questa fase è costata tantissimo in termini economici all'azienda - dice Russo-. Noi siamo dalla parte dei cittadini, ma le risorse potrebbero essere spese meglio, per esempio aumentando le corse: si dovrebbe pensare prima ai passaggi dei mezzi pubblici e poi alle cose accessorie".
A pesare sarebbe stata la gestione: sopra ogni convoglio, la domenica mattina, erano presenti appositamente due dipendenti Gtt "pagati in straordinario". A fronte dei pochi accessi dei ciclisti, dovuto anche al maltempo estivo e alle ferie estive si precisa, la perdita sarebbe troppo alta per pensare, secondo Russo, di rendere il tutto definitivo. "La sperimentazione si dovrebbe fare in orari e giorni di punta, se no che senso hanno i dati?"
Dispute a parte, dal Comune fanno invece sapere che le analisi dei dati sono soddisfacenti poiché non ci sono state difficoltà e non sono stati registrati incidenti di nessun genere. Nelle prossime settimane quindi i tecnici si occuperanno di formulare una proposta con cui definire le modalità definitive per consentire l'accesso delle biciclette in metropolitana. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bici in metro, finita la sperimentazione si tirano le somme

TorinoToday è in caricamento