Spari tra famiglie sinti: chiesta una condanna a cinque anni di carcere

Circostanze ancora da chiarire

immagine di repertorio

Il pm Paolo Scafi ha chiesto una condanna a cinque anni di carcere per tentato omicidio per Dario Waisse, 62enne sinto torinese, relativamente alla vicenda degli spari tra famiglie avvenuti a fine giugno 2018 nell'insediamento di corso Ferrara. L'imputato, che affronta un processo con rito abbreviato, è assistito dall'avvocato Michela Malerba. L'udienza si è tenuta oggi, martedì 14 maggio 2019.

Per la stessa vicenda è a processo (ma ha scelto il rito ordinario e quindi è in udienza preliminare) anche la sorella del suo consuocero, Maria Grazia Icardi, 56 anni, difesa dagli avvocati Deborah Abate Zaro e Davide Diana. Lei si dichiara vittima di Waisse, che però a sua volta l'ha accusata di avere sparato contro una sua roulotte prima dei suoi spari.

Toccherà al giudice Edmondo Pio, nella prossima udienza, decidere se condannare Waisse e rinviare a giudizio Icardi. Per il momento le circostanze di quegli episodi restano ancora completamente da chiarire.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio da favola per Cristina Chiabotto e Marco Roscio: la festa alla Reggia

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Ragazzo di 18 anni si butta dal quarto piano, è gravissimo

  • Trovato cadavere in casa, accertamenti in corso

  • Addio a Giuseppe, il papà con la passione della auto storiche, e alla figlia Nicole

Torna su
TorinoToday è in caricamento