menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Spari tra famiglie sinti: chiesta una condanna a cinque anni di carcere

Circostanze ancora da chiarire

Il pm Paolo Scafi ha chiesto una condanna a cinque anni di carcere per tentato omicidio per Dario Waisse, 62enne sinto torinese, relativamente alla vicenda degli spari tra famiglie avvenuti a fine giugno 2018 nell'insediamento di corso Ferrara. L'imputato, che affronta un processo con rito abbreviato, è assistito dall'avvocato Michela Malerba. L'udienza si è tenuta oggi, martedì 14 maggio 2019.

Per la stessa vicenda è a processo (ma ha scelto il rito ordinario e quindi è in udienza preliminare) anche la sorella del suo consuocero, Maria Grazia Icardi, 56 anni, difesa dagli avvocati Deborah Abate Zaro e Davide Diana. Lei si dichiara vittima di Waisse, che però a sua volta l'ha accusata di avere sparato contro una sua roulotte prima dei suoi spari.

Toccherà al giudice Edmondo Pio, nella prossima udienza, decidere se condannare Waisse e rinviare a giudizio Icardi. Per il momento le circostanze di quegli episodi restano ancora completamente da chiarire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento