Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca località l’aquila

Sparatoria con due feriti a Giaveno, fermate tre persone

Dei due "Hell's Angel" feriti uno è gravissimo al Cto di Torino, è stato raggiunto da un proiettile alla testa

Le pistole utilizzate nella sparatoria

Fermati padre, figlio e nipote a Giaveno, accusati di tentato omicidio aggravato, lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi in luogo pubblico. Nei confronti dei tre sono stati acquisiti gravi elementi di responsabilità per il coinvolgimento nella sparatoria avvenuta giovedì sera a Giaveno, frazione l’Aquila davanti ad un hotel.

Dalla ricostruzione dei fatti, eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Rivoli, è stato acclarato che i due più giovani, intorno alle 22.15 nel parcheggio dell’albergo avrebbero avuto un diverbio con alcuni bikers associati all’Hell’s Angels motorcycle club Torino con sede proprio nell’hotel l’Aquila. La discussione sarebbe nata a seguito di alcune manovre azzardate dei giovani che “si sono divertiti” con un furgone fiat Doblò nel piazzale ricoperto di neve.

I due, dopo aver fatto ritorno alle rispettive abitazioni a Giaveno e aver recuperato due pistole, sono tornati a bordo di due auto all’hotel accompagnati dal padre di uno di loro. Qui uno dei ragazzi ha sparato 7 colpi in direzione del gruppo di motociclisti, colpendo alla testa il 46enne  di Villarfocchiardo (To), mentre il secondo giovane, alla guida di un’altra auto, ha investito il 51enne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria con due feriti a Giaveno, fermate tre persone

TorinoToday è in caricamento