Spara contro i carabinieri per farsi ammazzare, in un biglietto chiede scusa

Inseguimento in autostrada

Immagine di repertorio

Ha sparato più volte a salve contro i carabinieri con l'intento di farli rispondere al fuoco e farsi ammazzare. Addosso, infatti, aveva un biglietto in cui chiedeva scusa ai militari dell'arma per il suo comportamento. L'uomo, un bielorusso di 30 anni residente a Gassino, è stato arrestato e poi condotto nel reparto psichiatrico di un ospedale. La vicenda è avvenuta nella notte di oggi, venerdì 6 aprile 2018, con un lungo inseguimento sull'autostrada Torino-Milano.

Posto di blocco forzato  

Poco dopo l'1 a Mezzi Po, frazione di Settimo Torinese, una Volkswagen Golf ha incontrato un posto di blocco dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Chivasso e non si è fermata all'alt. La pattuglia si è messa al suo inseguimento e l'uomo alla guida ha sparato alcuni colpi di pistola contro i militari, apparentemente a scopo intimidatorio. La vettura si è poi diretta verso l'ingresso dell'autostrada Torino-Milano a Brandizzo.

L'inseguimento, il casello abbattuto e altri spari

Imboccata l'autostrada in direzione di Milano a tutta velocità, la golf ha abbattuto una sbarra del casello di Rondissone. I militari dell'arma hanno intanto allertato anche la polizia stradale sulla pericolosità dell'uomo. Arrivati a Borgo D'ale, dopo circa 20 chilometri, i carabinieri sono riusciti a sparare a una gomma della vettura. L'uomo a quel punto è sceso in una piazzola di sosta e ha sparato nuovamente a salve, ma non ha ricevuto risposta. allora si è rimesso al volante dell'auto e ha proseguito nonostante la gomma bucata, fermandosi ancora una volta e sparando ulteriori volte.

Lo schianto contro il guardrail e l'arresto

Una volta raggiunto lo svincolo di santhià, l'uomo ha perso il controllo della golf che si è andata a schiantare contro lo spartitraffico tra le due carreggiate. A quel punto è stato bloccato, questa volta senza opporre resistenza. Addosso aveva una pistola da softair e una seconda pistola, giocattolo, modificata in modo da apparire un'arma vera.

Il biglietto choc

Una volta fermato, la scoperta pazzesca: addosso l'uomo, un idraulico che da qualche tempo soffriva di crisi depressive, aveva un biglietto manoscritto indirizzato proprio ai carabinieri. "Vi chiedo scusa - c'era scritto - ma voglio morire ucciso da voi. perdonatemi, ma sono consapevole di quello che sto facendo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

folle-pistole-lettera-inseguimento-carabinieri-settimo-brandizzo-santhià-180406-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento