menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Usavano un italiano come autista, arrestati due spacciatori

Lo stratagemma ideato da due africani è stato scoperto dagli agenti della Squadra Mobile. Il fermo in corso Trapani

Per non destare sospetti, si servivano di un italiano per guidare l’auto con la quale erano soliti   recarsi nella zona di spaccio

Lo stratagemma, curioso, ideato da due cittadini stranieri è stato scoperto dagli agenti della Squadra Mobile. I poliziotti, in borghese, li hanno osservati a lungo. In un caso hanno incrociato due giovani italiani attendere qualcuno in corso Trapani, utilizzando ripetutamente il cellulare.

Ad un certo punto, in strada, è comparsa una Fiat Punto con tre persone a bordo: alla guida, appunto, un cittadino italiano. Ossia il tassista dei pusher. Sul sedile posteriore i due africani che hanno consegnato degli involucri in cambio di denaro.

Gli agenti hanno fermato sia l’auto con i tre individui che l’acquirente, trovato in possesso di una dose di cocaina.

I fermati sono un senegalese di 23 anni ed un mauritano di 19, entrambi senza fissa dimora ed irregolari sul territorio nazionale. Nonostante un tentativo di ingestione degli ovuli, sono stati bloccati in tempo: recuperando 12 grammi fra cocaina e crack.

Il loro autista, invece, è un 40enne sprovvisto di patente che, in cambio di modeste cifre di denaro, si prestava ad accompagnare i due  pusher, così da  destare minori sospetti anche in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine.

L’uomo è stato denunciato per violazione della legge sugli stupefacenti. I due stranieri sono stati arrestati per vendita e detenzione di sostanza stupefacente in concorso.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento