menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantieri e spacciatori, in via Montanaro non si ferma il mercato della droga

Dopo la raccolta firme presentata in Comune tornano a lamentarsi i residenti del quartiere. Nuove foto fanno capire come la situazione sia tutto fuorchè risolta

L’inizio dei lavori di riqualificazione del mercato, lo spostamento dei banchi e lo stravolgimento della viabilità sono apparsi come una piccola rivoluzione solo per i residenti. Ad appena due isolati di distanza da quelle vie sorvegliate dai civich, infatti, c’è un mondo che è rimasto tale e quale con il passare dei mesi. Incurante dei cambiamenti e delle polemiche.

C’è chi continua a spacciare droga alla luce del sole, alla faccia dei cittadini e degli ambulanti che di recente sono usciti allo scoperto chiedendo provvedimenti massicci per contrastare il mercato della morte. “Vergogna! Più pulizia per noi ambulanti che con gli spacciatori” è solo il primo di tanti messaggi che l’ambulantato ha rivolto all’amministrazione. E questo perché dalle parti di Barriera tutti si sono stufati di risse, di via vai di tossici e spacciatori.

Gli stessi che i residenti detective fotografano senza paura da un anno. Come in via Montanaro e in via Scarlatti dove nonostante i blitz delle forze dell’ordine cocaina ed eroina continuano ad essere una merce molto richiesta. Giovani, forse giovanissimi, sono coloro che si avvicinano al pusher di turno con la bici. Pochi i minuti necessari per portare a termine la trattativa. Prima che ognuno riprenda la sua strada senza dare nell’occhio. “Abbiamo visto un africano aprire una macchina e prendere un sacchetto con della polvere bianca – racconta uno degli autori delle foto – e poi cederla a due ragazzotti in cambio di qualche bigliettone”.

La presenza del mercato e delle bancarelle e il robusto via vai di anziani e mamme cariche di borse aiuta gli spacciatori a mimetizzarsi tra la folla. Ma chi è abituato a frequentare queste zone per secondi fini sa bene come fare per portarsi a casa della droga ad un prezzo sufficientemente contenuto. “Siamo tutti stanchi di questa situazione – racconta Pino -. Abbiamo raccolto così tante foto da poter mettere in piedi una mostra dell’orrore. Solo le istituzioni ignorano quello che succede ogni giorno nella nostra Barriera”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento