Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Borgo Po / Corso Vittorio Emanuele II

Giovane pusher in stazione, agli agenti riferisce: “Sono sostanze innocue”

Aveva cocaina, hashish e anfetamina

Immagine di repertorio

E’ sabato 8 dicembre quando, al mattino, due ragazzi dal fare sospetto vengono controllati in stazione, vicino delle biglietterie automatiche.

Tra il viavai di turisti e famiglie dirette alle vie dello shopping i due 20enni, italiani residenti ad Aosta, vengono controllati dagli agenti di polizia negli uffici di Porta Nuova. Uno dei due, di origini magrebine, risulta aver nascosto negli indumenti intimi diversi involucri con sostanze di varie tipologie.

Alla richiesta di spiegazioni il ragazzo, con tono insofferente, risponde in modo evasivo e dichiara che si tratta di sostanze innocue cedutegli per pochi euro la sera prima. Successivi controlli effettuati presso il Gabinetto di Polizia Scientifica hanno rivelato che si trattava di hashish contenuta in un involucro, cocaina in 5 involucri termosaldati e anfetamina conservata in un ulteriore involucro contenente 40 quadratini colorati.

Nonostante le prove acquisite in conseguenza delle analisi e le inequivocabili circostanze di tempo e di luogo, il ragazzo ha ripetutamente accusato gli agenti di aver falsificato il verbale sostenendo che il loro lavoro di polizia fosse totalmente inutile. Il 20enne è stato deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per il reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.    
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane pusher in stazione, agli agenti riferisce: “Sono sostanze innocue”

TorinoToday è in caricamento