Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Aurora / Via Carmagnola

Sospeso il trasferimento del Suk, interviene l'Arpa: "Qui manca la bonifica"

I comitati torinesi avevano avanzato sin da subito il dubbio circa la mancata bonifica dell'area. Ora toccherà all'Arpa verificare quanto la zona sia accessibile o meno

Sospese a data da destinarsi le operazioni di trasferimento del Suk dallo scalo Vanchiglia alle ex Officine Ogm di via Carmagnola. A bloccare il trasloco del mercato del libero scambio è bastato l'intervento dell'Arpa che, a seguito dell'esposto presentato in Procura dal consigliere Marrone riguardante la mancata bonifica dell'area, ha ritenuto opportuno effettuare le doverose analisi prima di procedere a qualsiasi intervento sul luogo.

Una prima vittoria per i residenti di Barriera di Milano e Aurora che da tempo si battono per dire "no" al trasferimento del Suk alle ex Ogm, un'area già colpita dal degrado e dalla microcriminalità. Il mercato del libero scambio avrebbe, infatti, dovuto ospitare 400 commercianti - spesso con merce di dubbia provenienza - in un'area di circa 17mila metri quadrati.

"Noi dei comitati spontanei avevamo da tempo avanzato l'ipotesi che la zona non fosse stata bonificata - afferma Federica Fulco, presidente del coordinamento comitati spontanei torinesi -. Siamo felici che l'Arpa ci abbia dato retta e abbia sospeso il trasferimento del Suk".

Soddisfatti anche alla Lega Nord, dove il consigliere comunale Roberto Carbonero si era fatto promotore della protesta dei comitati e aveva esposto le problematiche e i dubbi inerenti alla bonifica dell'ex Ogm. "E' facile ipotizzare, a questo punto - afferma Carbonero - che le operazioni di trasferimento del Suk alle Ogm non avranno mai luogo. L'area è contaminata dall'amianto e dai rifiuti tossici rilasciati durante l'attività che veniva svolta nell'edificio". Nelle ex Ogm, infatti, venivano riparati treni e materiali di rilevanza meccanica. Essendo le pavimentazioni fatte in legno, è probabile che solventi e liquidi inquinanti siano stati filtrati dal terreno e penetrati in esso; senza contare la copertura in amianto.

Ora, saranno le verifiche dell'Arpa a determinare se e come l'area possa essere utilizzata. Prima vittoria per i residenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospeso il trasferimento del Suk, interviene l'Arpa: "Qui manca la bonifica"

TorinoToday è in caricamento