menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Casello Beinasco

Casello Beinasco

Troppo inquinamento sulla Torino-Pinerolo: "Sopprimete il casello di Beinasco"

L'aumento dei flussi di traffico, la presenza del Gerbido e delle ditte industriali aumentano l'impatto ambientale nella zona. La soppressione del casello potrebbe essere vincolata alla proroga della concessione con la società che gestisce l'autostrada

Sopprimere il casello di Beinasco sull'autostrada Torino-Pinerolo perchè ad alto impatto ambientale. E' ciò che chiede il consigliere regionale del Pd Andrea Appiano alla Giunta, affinchè possa attivarsi presso gli organi ministeriali competenti e richiedere che il rinnovo o la proroga della concessione alla Società ATIVA che gestisce il tratto autostradale sia vincolata alla soppressione del casello di Beinasco che, peraltro, costa ai pendolari ben 1,60 euro.

Pesante sarebbe, infatti, il carico ambientale che grava sull'intera area limitrofa al casello dove si evidenzia, in particolare, l'aumento dei flussi di traffico sui tratti stradali che attraversano Orbassano, Beinasco, Rivalta di Torino e Volvera. Una zona, peraltro, dove il carico ambientale risulta già particolarmente gravoso a causa dell'entrata in funzione del termovalorizzatore del Gerbido e della presenza, sul medesimo territorio, di numerose ditte industriali. "A ciò si somma la presenza dell'ospedale San Luigi - afferma Appiano - a oggi raggiungibile solo con mezzi di trasporto su gomma, stante la mancata realizzazione della fermata connessa alla SFM5".

In conseguenza del costante inquinamento le conseguenze ambientali e sulla salute dei cittadini potrebbero essere particolarmente gravose, come sottlineato in una lettera scritta dai sindaci di Beinasco, None, Orbassano, Piossasco, Rivalta di Torino e Volvera e inoltrata oltre un anno fa all'assessorato regionale ai Trasporti.

La discussione e la votazione dell’ordine del giorno potranno avere luogo già nella giornata oggi, martedì 17 novembre, nel corso della seduta pomeridiana del Consiglio regionale, oppure nelle sedute immediatamente successive.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento