rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca Centro / Piazza Solferino

Torino, litigano a causa di un debito: aveva promesso di far fruttare i soldi grazie a procedimenti chimici

L'uomo è stato arrestato perché irregolare in Italia

Avrebbe promesso a una donna che se le avesse affidato il suo denaro sarebbe riuscito a raddoppiare la cifra grazie a un procedimento chimico, ma una volta ricevuta la somma si sarebbe dato alla macchia. Succede a Torino e protagonista della truffa è un uomo di 43 anni di origine nigeriana irregolare sul territorio italiano. 

L'uomo è stato identificato dalla polizia nella mattinata di ieri, giovedì 29 luglio, in piazza Solferino quando una donna, che sarebbe stata truffata, lo ha riconosciuto mentre camminava per strada. La donna mesi addietro avrebbe dato del denaro all’uomo con la promessa di vederselo restituito raddoppiato grazie a tecniche basate su procedimenti chimici. 

L'uomo però una volta ricevuti gli 800 euro si era reso irreperibile. Così quando la donna lo ha incontrato casualmente per strada e gli ha chiesto il denaro, è scoppiata la discussione. Gli agenti giunti sul posto hanno scoperto che il 43enne era irregolare sul territorio nazionale. Era stato espulso nel 2017 e non sarebbe potuto rientrare in Italia prima del settembre del 2022. Per lo straniero scatta l’arresto per essere rientrato in Italia prima dei 5 anni previsti dalle norme vigenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, litigano a causa di un debito: aveva promesso di far fruttare i soldi grazie a procedimenti chimici

TorinoToday è in caricamento