Cronaca

Giocano alla guerra nell'ex caserma di Trana: 26 denunciati per invasione di edifici

E' successo domenica nella ex caserma 'Cavaglia'. Un gruppo di appassionati di "softair" è stato denunciato per invasione di terreni ed edifici. Loro dicono: "Non sapevamo di compiere un reato"

Gioco e guerra non sono due parole che sembrerebbero andare d'accordo. Ma gli appassionati di "softair" non mancano nel torinese. Tute mimetiche, armi che sparano pallini di plastica ed equipaggiamento militare per giocare in un'area assolutamente adatta secondo loro allo scopo: una caserma dismessa a pochi chilometri da Torino.

I Carabinieri hanno scoperto l'insolito "esercito" formato da ben 26 appassionati (il più giovane ha 16 anni, il più anziano 52): per tutti è scattata la denuncia alla magistratura, in stato di libertà, per invasione di terreni ed edifici. E' successo domenica scorsa a Trana, nella ex caserma ormai dismessa degli Alpini 'Cavaglia'. Il softair non è reato, bensì un'attività consentita dal Ministero dell'Interno (che l'ha autorizzata con regolamento ministeriale decreto n. 362/2001).

L'ex caserma era diventata per una giornata un campo di battaglia di 'softair', il gioco nel quale due opposte fazioni di affrontano con pistole, fucili e altre armi che sembrano vere ma che, in realtà, sparano pallini di plastica. La caserma, benché inutilizzata, è tuttora del demanio militare e i partecipanti sono tutti incensurati.


Increduli e delusi hanno dovuto interrompere la loro domenica di divertimento. "Non sapevamo di compiere un reato - si sono giustificati con i militari della stazione di Avigliana, che hanno fatto irruzione nell'immobile insospettiti dall'insolita quantità di auto parcheggiate vicino all'ex caserma - e abbiamo scelto questo posto perché ci sembrava tranquillo e idoneo per la nostra battaglia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giocano alla guerra nell'ex caserma di Trana: 26 denunciati per invasione di edifici

TorinoToday è in caricamento