Cronaca

‘Società e scienza di fronte all’allarme demenza’

AGeSPI e Regione Piemonte promuovono una giornata di studio e riflessione dedicata a un tema di grande rilevanza epidemiologica e di devastante impatto sulla persona che ne è affetta e sulla sua famiglia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Si è svolto questa mattina, presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, il Convegno dal titolo 'Società e scienza di fronte all'allarme demenza', organizzato e promosso da AGeSPI e Regione Piemonte.

Una giornata di studio, approfondimento, riflessione sociale e scientifica in risposta a un tema di grande rilevanza epidemiologica e di grande impatto, che ha coinvolto tutti gli attori che operano nell'ambito dell'assistenza e cura della persona fragile.

Ad aprire la giornata, il saluto del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, e il benvenuto dell'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta.

L'interessante incontro, organizzato e promosso da AGeSPI e Regione Piemonte, ha voluto offrire una panoramica di quanto si sta facendo per promuovere l'accettazione sociale e culturale della demenza, per rispondere al meglio alle richieste di cura e assistenza di chi è affetto da questa patologia e dare supporto ai loro familiari, con l'obiettivo di migliorare la qualità di vita di entrambi.

Secondo l'OMS, i nuovi casi di demenza sono circa 7 milioni e 700 mila ogni anno, ossia un nuovo caso ogni 4 secondi in qualche parte del mondo.

I dati di letteratura concordano nel ritenere che la demenza non sia uno stadio ordinario dell'invecchiamento, anche se l'aumento dell'età media è il principale predittore di tale condizione.

Per quanto riguarda la regione Piemonte, si rileva che gli ultra65enni sono il 22,7% della popolazione, contro una media nazionale del 20%. Complessivamente, gli ultra65enni nella regione sono più di 1 milione.

Si pone perciò una sfida drammatica per le famiglie, le comunità e per tutti i servizi sanitari regionali e nazionali: come illustrato dall'intervento del Direttore alle Politiche Sociali e per la Famiglia della Regione Piemonte, Raffaella Vitale, è necessario l'avvio di un piano regionale e nazionale sulle demenze.

La demenza, per la sua rilevanza epidemiologica e per il suo devastante impatto sulla persona e la famiglia, è un grande richiamo alla responsabilità di tutti - in quanto singoli o in quanto comunità politica, scientifica e intellettuale - per impegnarsi, anticipare e correggere le desolanti circostanze nelle quali tanti pazienti, spesso anziani, vulnerabili e i loro congiunti si ritrovano.

La riflessione sulla quale l'intero convegno si è concentrato, introdotta da Teresa di Fiandra, Direzione Generale della prevenzione - Ministero della Salute, e rivolta alle Istituzioni e agli operatori del settore presenti, ha voluto analizzare il piano nazionale e i piani regionali sulle demenze, l'epidemiologia delle demenze, i fattori di rischio e di prevenzione, la diagnosi precoce, i disturbi comportamentali, le cure di fine vita della persona demente.

Ha concluso la giornata una tavola rotonda dal titolo: 'Promuovere la cittadinanza culturale della demenza', moderata da Antonio Monteleone, Presidente Agespi Lombardia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Società e scienza di fronte all’allarme demenza’

TorinoToday è in caricamento