Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Rivoli

Truffe e scambi di persona: scoperto mercato nero gestito dalla malavita

Oltre 300 contratti falsi stipulati con diverse compagnie per ottenere numeri non rintracciabili. Un rivolese di 39 anni è stato arrestato per truffa e sostituzione di persona. Dietro tutto un'organizzazione molto più grande

È stato individuato un mercato nero di smartphones e di schede telefoniche con numeri non rintracciabili gestite dalla malavita organizzata e destinate ad usi criminali. I carabinieri della Compagnia di Rivoli hanno arrestato Sergio M., 39 anni, di Rivoli per truffa e sostituzione di persona. Come nel film “Prova a prendermi” con Tom Hanks e Leonardo di Caprio, l’uomo era ricercato da tempo in tutto il Nord Ovest d'Italia ma non era mai stato fermato nonostante le numerose segnalazioni di diversi punti vendita truffati.  

La persona arrestata stipulava contratti telefonici aziendali falsi utilizzando copie di documenti autentici (carta di identità, visure camerali e coordinate bancarie) riconducibili a una società della provincia di Bologna (estranea alla vicenda), per ottenere gli smartphone di ultima generazione con relativa scheda.

In totale l'uomo avrebbe stipulato circa 300 contratti "falsi" con le compagnie telefoniche. Si ritiene che l'uomo arrestato comunque sia solo uno dei tanti “procacciatori” di schede telefoniche e cellulari sparsi sul territorio nazionale per conto di un’organizzazione criminale specializzata nel riciclare telefoni e schede telefoniche. Il genio della truffa potrebbe essere il responsabile dell'area Nord Ovest dell’organizzazione e infatti i Carabinieri sono al lavoro sia per identificare gli altri complici presenti sul territorio nazionale sia per individuare i capi della holding criminale a cui tutti loro fanno riferimento. Per ogni contratto stipulato, il rivolese guadagnava 50 euro. Le truffe messe a segno in tutta Italia potrebbe essere migliaia ai danni di tutti i gestori di telefonia mobile italiani.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe e scambi di persona: scoperto mercato nero gestito dalla malavita

TorinoToday è in caricamento