menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La storia di Silvano: pensionato sfrattato, da otto mesi vive sui treni

Dopo essere stato sfrattato dal centro di Torino non si è abbattuto. Armato di tessera per viaggiare gratis sui treni, ha deciso di viaggiare e non fermarsi mai. La storia del pensionato di 80 anni sta facendo il giro del web

La storia che stiamo per raccontarvi, quella di Silvano Toniolo, è un esempio per continuare a sperare e non abbattersi anche nei momenti più difficili della vita.

Otto mesi fa Silvano, un pensionato di 80 anni, ha perso la sua casa. Viveva in centro nel capoluogo piemontese e tutt'ad un tratto si è trovato in mezzo ad una strada in seguito ad uno sfratto, cosa che, con i tempi che corriamo, succede sempre più spesso. Con i pochi soldi che aveva non poteva permettersi né di comprare un altro appartamento, né affittare un alloggio. Ma lui non si è abbattuto.

Da quando è stato colpito da un ictus che lo ha reso parzialmente invalido, gli è stata data una tessera per viaggiare gratis sui treni. Una volta sfrattato da casa gli era rimasta solo questa e poco altro. Ha così deciso che le scatole di cartone non sarebbero state la sua "nuova abitazione", ma è salito su un treno e da allora non è più sceso. Sì, perché ormai è da otto mesi che vive sopra i convogli, conoscendo persone, storie e luoghi che gli hanno dato la forza di andare avanti.

Silvano non ha mai dormito in stazione. Chiude gli occhi direttamente sui treni, usa il suo zainetto come cuscino, mentre viaggia da Torino a Cuneo, passando per altre città sia in Piemonte che in Liguria, dove qualche volta va a trovare qualche amico che gli è rimasto. Prima di andare in pensione faceva l'infermiere, professione svolta anche in Uganda, una esperienza che deve averlo segnato molto.

La sua avventura a bordo dei treni però potrebbe presto finire. Tempo fa ha fatto richiesta per un'abitazione popolare ed è stata già accettata, anche se l'appartamento non gli è ancora stato assegnato. Nonostante questi otto mesi gli abbiano regalato tante avventure (guardando il lato positivo della cosa), un tetto sopra la testa e un letto comodo in cui dormire sono quello a cui ambisce e a cui non potrebbe mai dire di no.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento