Cronaca Cavoretto / Strada Comunale Val San Martino, 27

Sigilli dei vigili a Villa Rey: "In fumo 8mila prenotazioni per il camping"

La polizia municipale si è presentata in strada San Martino per mettere sotto sequestro l'area. I titolari erano a rischio sfratto dal mese di gennaio

Niente camping per Torino. Villa Rey, infatti, è stata chiusa a seguito di un blitz della polizia municipale. I gestori, sotto sfratto da gennaio, hanno ricevuto come un fulmine dal cielo la notizia della la visita dei civich e dei dirigenti della città in strada San Martino. L’area è stata recintata e messa sotto sequestro e i titolari diffidati dal continuare ad usare il parco. Una doccia gelata dato che a Villa Rey si erano già raccolte le prenotazioni per i mesi a venire. “Parliamo di 8mila prenotazioni che rischiano di andare in fumo” ha fatto notare il gestore del camping Marcello Maida.

Al momento dello sgombero sono rimasti sei camper, alcuni stranieri. Ai loro proprietari è stato lasciato un avviso che spiega che, per il ritiro del veicolo dovranno rivolgersi alla centrale di via Bologna. “Nessuno si è preso la briga di avvisarci -  lamenta Maida  -. Mi ha pure chiamato l'ambasciata tedesca, non capivano cosa stesse succedendo”.

Ma da Cavoretto la rabbia non passerà certo a breve. I gestori, vista la situazione, hanno subito puntato il dito contro l’amministrazione. “Abbiamo sempre pagato ma la verità è che non ci hanno mai fatto una concessione regolare  -  sostiene Maida  -  Presenteremo sei esposti alla procura, la responsabilità di questa problematica è del Comune di Torino, al quale chiederemo anche i danni per questo sgombero senza preavviso”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigilli dei vigili a Villa Rey: "In fumo 8mila prenotazioni per il camping"

TorinoToday è in caricamento