Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Nizza, 349

I disagi del cantiere del metrò: in arrivo sgravi fiscali per i negozianti

Circondati da operai e scavatori, i negozianti di via Nizza tra via Caramagna e Sommariva non stanno passando un buon momento. Per loro stanno arrivando gli sgravi fiscali

Loro, la metropolitana l’hanno vista arrivare come una dannazione. I commercianti di via Nizza, nella zona interessata dai lavori della stazione Italia ’61, non hanno accolto bene l’arrivo delle ruspe sotto il periodo natalizio. Una raccolta firme, preparata all’ultimo momento, aveva cercato di ritardare l’inizio dei lavori almeno di qualche settimana. Invano: scavatori e operai sono arrivati puntualissimi. Adesso, però, gli esercenti di via Nizza e zone limitrofe, tra via Caramagna e via Sommariva, possono sperare in un aiuto: sgravi fiscali dei tributi Cosap – Tarsu – Cimpet e Imu.

Nell’ultima riunione di seconda commissione della Circoscrizione Nove è stato relazionato l’evolversi  del tavolo di lavoro e monitoraggio per la realizzazione del tratto Lingotto-Bengasi della linea 1 della Metropolitana. “Dopo il sopralluogo effettuato congiuntamente dalla Seconda Commissione Circoscrizionale e dal personale tecnico InfraTo nel mese di dicembre – conferma Massimiliano Miano, coordinatore alla viabilità – abbiamo, assieme al Presidente Giorgio Rizzuto ed al Coordinatore al Commercio Tommaso Renda, incontrato la delegazione di residenti ed operatori commerciali che insistono sul tratto cantieristico della metropolitana, per mettere a punto eventuali richieste e soluzioni che potessero alleviare in qualche modo i disagi che un’opera imponente e strategica come quella che si sta realizzando sul nostro territorio, comportano”.

Dal tavolo di lavoro decentrato è emersa la situazione critica per i dodici esercizi commerciali che sono situati su via Nizza, tra via Caramagna e via Sommariva, dove i negozi sono quasi del tutto circondati dai cantieri.

“Abbiamo trasmesso agli organi competenti comunali parte delle istanze emerse dal tavolo di lavoro – confermano Rizzuto, Miano e Renda – vale a dire quelle che ci sono sembrate più realistiche e al contempo stesso di competenza civica, tra cui l’esenzione integrale, a partire dalla data di inizio cantiere, dei tributi Cosap – Tarsu – Cimpet ed una attenta riflessione sull’applicazione dell’Imu di competenza comunale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I disagi del cantiere del metrò: in arrivo sgravi fiscali per i negozianti

TorinoToday è in caricamento