A 70 anni dormono in cantina: "Da otto mesi io e mia moglie viviamo un incubo"

Un'altra brutta storia figlia della crisi. Dopo uno sfratto Francesco e sua moglie sono finiti a dormire all'interno di una cantina. Ma da otto mesi nessuno si preoccupa più per loro

Una cantina come casa. Una sorte spietata per due 70enni che si sono ritrovati a vivere dentro un seminterrato in zona Rebaudengo dopo un primo sfratto da un appartamento di via Scotellaro e dopo un secondo sfratto – in realtà un’occupazione abusiva – da un vecchio centro d’incontro di corso Giulio Cesare. Così da otto mesi Francesco ed Elena, marito e moglie, condividono una situazione che risulta persino difficile da immaginare.

Lui ha 70 anni e lei ne ha 72, con loro vanno e vengono i due figli. Uno vive con i genitori nello stesso seminterrato, ma in un’altra cantina. Il fratello, invece, ha trovato asilo in una comunità. “Mese dopo mese ci è caduto il mondo addosso – racconta il capofamiglia, oggi in attesa di un miracolo -. Siamo qui dallo scorso novembre, dentro una cantina umida e senza alcun comfort. All’inizio non c’era nemmeno la luce, io ho chiesto il permesso e mi sono attaccato al generatore”.

I problemi di tutti i giorni. E poi la crisi. Due variabili impazzite che hanno sbattuto due anziani a dormire in una cantina. Ma solo entrando lì dentro ci si rende conto di come la coppia abbia fatto il possibile per trasformare quelle quattro mura in una casa. In uno scaffale sono conservati gli ultimi ricordi di una vita, tra cui una foto scattata in gioventù. Sui piani più alti c’è quel poco cibo che Francesco ha trovato in giro, magari offerto da un’anima pia. Frutta, pane e poco altro. A fianco c’è un fornellino e una bombola. “La sera riusciamo persino a cucinarci qualcosa”

In pochi metri quadrati si può poi trovare tutto il resto. Un lavandino dove la coppia si lava, prepara il caffè e beve un po’ d’acqua. E poi quel letto rimediato in qualche modo, i cuscini e le coperte regalo di alcuni benefattori. “D’estate il tempo è mite ma non possiamo non guardare al futuro con paura - spiegano ancora i due -. Abbiamo bisogno di un aiuto perché in queste condizioni non dureremo ancora per molto. Eppure nonostante i miei appelli nessuno del Comune si è preso a carico il mio problema”. Chi volesse dare una mano a Francesco e alla sua famiglia può chiamare ogni giorno al numero di telefono 349-1615761.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento