Cronaca

Scoperta coltivazione di marijuana in serra, arrestati due fiorai torinesi

I due fiorai, madre e figlio, avevano allestito delle vere e proprie stanze attrezzate dove procedevano alla clonazione delle piantine di marijuana. La serra è stata sequestrata

Una serra di marijuana, con tanto di laboratori super attrezzati per trasformare le gemme in prodotto finito.

E' stata scoperta dai carabinieri di Torino un'ingente piantagione di cannabis indiana, coltivata e curata da due fiorai, madre e figlio. L'opificio della droga, dal seme allo spinello, aveva un'organizzata suddivisione delle aree interne tanto da individuare alcune stanze "nursery" per le piantine con le funzioni di serra per la clonazione, separazione e crescita e alcune camere di essiccazione.

All'interno di una stanza sono state trovate decine di vasetti e sacchetti termosaldati contenti marijuana e  hashish -prodotto dagli indagati dalla raffinazione della resina di marijuana- e alcuni spinelli già confezionati.. La struttura per la coltivazione è stata sottoposta ai sigilli da parte delle forze dell'ordine, così come una lavatrice per lavare le foglie di marijuana.

Sequestrati oltre 80 chili di canapa indiana essiccata, 57 piante di marijuana, alte da 80 a 180 cm, coltivate nella serra, hashish (panetti e olio) di loro produzione, 500 grammi di marijuana pronti per la vendita al dettaglio,  semi della medesima sostanza, buste per il confezionamento e un “grinder” (sminuzzatore per la marijuana).

La scoperta della serra da parte dei militari che ha portato all'arresto dei due gestori, ha permesso di evitare sul mercato torinese, l'immissione di migliaia di dosi di droga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta coltivazione di marijuana in serra, arrestati due fiorai torinesi

TorinoToday è in caricamento