Cronaca

Traffico di stupefacenti Italia-Brasile, sette persone arrestate

Sono stati sequestrati due chili di cocaina, 20 chili di hashish e alcune armi. L'operazione coordinata dalla Questura di Torino ha portato ad arresti in Piemonte, Lombardia e Calabria

La Questura di Torino ha arrestato sette persone per traffico internazionale di stupefacenti. Un'operazione complessa, coordinata dal pubblico ministero Antonio Smeriglio, che si è svolta tra Piemonte, Lombardia e Calabria.

In totale sono stati sequestrati due chili di cocaina, 20 chili di hashish e alcune armi. Gli investigatori della squadra mobile e dei commissariati della zona Dora Vanchiglia e di Rivoli hanno appurato che la droga proveniva dal Brasile. Fornitore - secondo l'accusa - era Joseph D., francese di 54 anni, arrestato alla stazione ferroviaria di Rho (Milano). Con lui sono finiti in manette due pluripregiudicati italiani: Antonio R., 59 anni, di Frossasco (Torino), e Massimo G., 43 anni, di Caronno Pertusella (Milano). I tre si stavano recando a Zurigo (Svizzera) ed erano già in possesso dei biglietti aerei per il Brasile.


A Torino, dove risiedono, sono stati arrestati Antonio R., titolare di un noto night club del capoluogo piemontese, a casa del quale è stato trovato un chilo e mezzo di cocaina; la sua convivente Valentina D. O., romena di 24 anni; Rocco S., 51 anni; e Francesco S., 50 anni, nella cui abitazione sono stati trovati mezzo chilo di cocaina, 20 chili di hashish, un fucile, due pistole e numerose munizioni. Infine a Mammola (Reggio Calabria), dove risiede, è stato arrestato Antonio L., 40 anni. L'inchiesta era partita dall'arresto, lo scorso 3 maggio, della brasiliana Luciana D., 25 anni, trovata dalla Guardia di finanza con due chili di cocaina all'aeroporto di Malpensa. (ANSA).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di stupefacenti Italia-Brasile, sette persone arrestate

TorinoToday è in caricamento