Cronaca

Musei Reali, arriva il Servizio civile in via sperimentale

Il progetto valorizzerà il patrimonio culturale e andrà incontro ai giovani senza occupazione

Il Servizio Civile si potrà svolgere, per la prima volte, anche nei Musei Reali di Torino. Per valorizzare il patrimonio culturale e artistico italiano, i ministeri del Lavoro e dei Beni culturali hanno promosso, su tutto il territorio nazionale e in via del tutto sperimentale, un progetto che, dopo un periodo di formazione, vede l'impiego di alcuni giovani - precedentemente selezionati - in diverse mansioni all'interno dei Musei.

Il progetto - "Invito a Corte. Musei e Giovani del Servizio Civile nazionale", realizzato con Confcooperative - aiuterà inoltre i giovani ancora senza un'occupazione: il loro compenso, per tutta la durata del servizio, compreso il periodo formativo, sarà di 433 euro mensili.

Una sperimentazione che prevede un percorso di 12 mesi in cui i volontari  - 7 giovani selezionati tra più di 50 candidati - presteranno servizio a Palazzo Reale e Armeria Reale, garantendo un prezioso supporto all’attività dei Musei in ambiti quali informazione, accoglienza del pubblico, laboratori didattico-ricreativi e prenotazione di visite guidate.

Il progetto, nella sua prima fase, ha visto, nei musei di tutta Italia, l'impiego di 2000 giovani. Prossimamente è prevista anche la pubblicazione di un bando per inserire nel progetto gli immigrati e i giovani rifugiati. Un modo come un altro per favorire l'integrazione, attraverso la cultura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musei Reali, arriva il Servizio civile in via sperimentale

TorinoToday è in caricamento