rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Cronaca

Scoperte 300mila uova di provenienza incerta: scatta il maxi-sequestro

Stoccate in condizioni igieniche precarie

I carabinieri del nucleo antisofisticazione (Nas) di Alessandria hanno sequestrato 300mila uova in un deposito di Asti perché non in regola con l'etichetta che ne attesta origine, provenienza, qualità e quantità.

L'operazione, avvenuta a fine dicembre 2018, è stata coordinata dalla pm Francesca Dentis della procura di Asti e ha portato a 21 perquisizioni in tre centri di imballaggio e 18 punti vendita nelle province di Asti, Alessandria e Torino.

Le uova sequestrate, il cui valore è di 100mila euro, erano stoccate in un capannone privo di autorizzazioni, in condizione igieniche critiche e con codice identificativo falso o assente.

La struttura è riconducibile a un'imprenditrice astigiana 40enne, indagata per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

I carabinieri del Nas di Alessandria, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti, avevano avviato l'indagine un mese fa, a seguito di una segnalazione anonima.

In via di accertamento la provenienza delle uova, alcune delle quali riportavano codici identificativi di altre aziende inconsapevoli della frode.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperte 300mila uova di provenienza incerta: scatta il maxi-sequestro

TorinoToday è in caricamento