rotate-mobile
Cronaca

Pesce trasportato 'al caldo' nel bagagliaio, denunciati due ristoratori

Maxi-sequestro

Due ristoratori, un italiano e un cinese, sono stati fermati oggi, mercoledì 26 luglio 2017, dalla polizia stradale e dagli ispettori dell'Asl di Torino in quanto avevano acquistato grandi quantità di pesce da grossisti della città e lo stavano invece trasportanto senza rispettare le norme della cosiddetta catena del freddo, che impone loro una temperatura non superiore ai -15 gradi per i surgelati e agli zero gradi per i freschi.

Nel primo caso, è stata individuata un'auto con all'interno 39 chili di gamberoni e calamari surgelati e tonno fresco, contenuti in sottili sacchetti di plastica, utilizzati per la vendita al banco, senza che gli alimenti fossero collocati in contenitori idonei al mantenimento della corretta temperatura. Le misurazioni hanno appurato una temperatura di ben -4 gradi per il surgelati e 9,5 gradi per i freschi.

Nel secondo caso, il ristoratore stava trasportando verso la sua attività 7,4 chili di pescato fresco, anch'essi contenuti in sacchetti e caricati nel bagagliaio dell'auto. In questo caso dalle misurazioni è risultata una temperatura di 8,5 gradi.

Entrambi sono stati denunciati e il pesce è stato sequestrato e verrà distrutto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesce trasportato 'al caldo' nel bagagliaio, denunciati due ristoratori

TorinoToday è in caricamento