Cronaca

Rami di madrepora e monili in corallo rosso, scatta il sequestro nel negozio di Torino

Anche 600mila oggetti privi di requisiti di sicurezza

Parte dei monili sequestrati nel negozio

A inizio maggio 2021 la guardia di finanza di Torino ha sequestrato migliaia di articoli i cui materiali derivano da specie protette dalla normativa che tutela la flora e la fauna in via di estinzione (la cosiddetta legislazione 'Cites'). I 'baschi verdi' del gruppo pronto impiego hanno individuato un esercizio commerciale situato nella zona meridionale della città in cui sono stati scoperti e sequestrati oltre 10mila tra pietre dure preziose e semi-preziose, rami di madrepora e monili in corallo rosso, sottoposti al regime di salvaguardia internazionale e risultati sprovvisti dei certificati di importazione. Il tutto per un introito stimato di circa un milione. Il titolare è stato denunciato per il reato di importazione illecita di parti di specie protette.

Nel corso delle operazioni sono stati sequestrati anche circa 600mila oggetti risultati carenti dei requisiti prescritti dalle norme riguardanti la sicurezza prodotti. Si tratta di articoli di bigiotteria e accessori per abbigliamento che venivano posti in vendita privi di alcuna indicazione circa la denominazione legale o merceologica, i dati dell’importatore, la presenza di materiali o sostanze pericolose, con evidenti rischi per l’incolumità, per cui si è proceduto alla denuncia del titolare dell’esercizio anche per frode in commercio nonché alla segnalazione alla Camera di Commercio affinché sia inflitta una multa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rami di madrepora e monili in corallo rosso, scatta il sequestro nel negozio di Torino

TorinoToday è in caricamento