Frutta ammuffita destinata ai banchi del mercato: maxi-sequestro da 6,5 quintali

Ambulanti denunciati

Una cassetta di arance ammuffite tra la frutta sequestrata ieri

Sei quintali e mezzo di frutta (quattro di albicocche e due e mezzo di arance) pieni di muffa sono stati sequestrati dalla polizia locale nella mattinata di ieri, mercoledì 1 luglio 2020, vicino al mercato di Porta Palazzo. Gli agenti del comando di zona hanno ispezionato un autocarro guidato da un uomo marocchino che si era appena fermato per scaricare della merce. Lui ha detto che questa sarebbe stata destinata ai banchi del mercato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre al sequestro della frutta, che è stata distrutta, gli agenti hanno denunciato i due ambulanti sull'autocarro per vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Delirio in tangenziale: si scontrano auto, furgone e tir. Code di dieci chilometri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento