Commercialista legato alla 'ndrangheta: maxi-sequestro da quattro milioni, c'è anche un agriturismo

Beni intestati a suoi familiari

Gli agenti della Dia nell'agriturismo Cascina Scola di via Monsagnasco, sequestrato a Giuseppe Pontoriero

La Direzione investigativa antimafia (Dia) di Torino ha sequestrato beni per quattro milioni a Giuseppe Pontoriero, 75enne commercialista di Rivoli, già condannato per violazione delle disposizioni contro la criminalità mafiosa e per riciclaggio di denaro di provenienza illecita. Secondo la sentenza del processo Pioneer del 2012, agevolava l’attività di reimpiego di denaro sporco commessa da altri due co-indagati, che favorivano la cosca di ‘ndrangheta Spagnolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il decreto di sequestro è stato emesso dal tribunale di Torino dopo indagini patrimoniali svolte dalla stessa Dia e coordinate da pm Cesare Parodi a fronte di redditi dichiarati al fisco nettamente inferiori alle sue reali capacità economiche. I beni, infatti, erano riconducibili a lui ma formalmente intestati a suoi familiari. Tra questi figurano tre società, una delle quali gestisce l'agriturismo Cascina Scola di via Monsagnasco, sempre a Rivoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento