rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Ivrea / Via Torino

Sequestrano l'amico del loro debitore, poi gli puntano la pistola in testa

Un arrestato, due denunciati

Hanno caricato in auto un uomo, amico di quello che consideravano un loro debitore, a Milano, dicendogli che volevano invitarlo a pranzo. Appena lui è salito sul veicolo, però, si sono diretti verso Ivrea dove uno dei tre, il capo, gli ha puntato una pistola carica alla testa costringendolo a telefonare al presunto debitore, che abita proprio nella cittadina canavesana.

La vittima del sequestro di persona, avvenuto la sera di venerdì 7 dicembre 2018, è un marocchino 36enne che è riuscito a salvarsi parlando in arabo e dando l'allarme al suo interlocutore senza che i tre sequestratori, tutti albanesi, se ne accorgessero.

In pochi minuti sul posto, in via Torino a Ivrea, si sono precipitate numerose pattuglie del commissariato cittadino che hanno accerchiato le due auto (quella con l'uomo armato e la vittima e quella con i due accompagnatori).

Alla fine gli agenti hanno arrestato un albanese 47 anni (accusato di sequestro di persona, minacce aggravate, porto abusivo di arma comune da sparo e ricettazione) e denunciato due suoi connazionali di 35 e 32 anni (solo per sequestro di persona), tutti residenti a Milano come anche la vittima.

Oltre alla pistola col colpo in canna e al relativo munizionamento, gli agenti hanno sequestrato anche una tanica di benzina. Il debito, secondo quando raccontato dalla vittima, ammonterebbe a 30mila euro. Gli investigatori ritengono che possano essere proventi di traffici illeciti.

Ivrea sequestro di persona polizia 13 dicembre 2018 1-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrano l'amico del loro debitore, poi gli puntano la pistola in testa

TorinoToday è in caricamento