Falsari pronti allo scudetto della Juventus, sotto sequestro un magazzino

La Guardia di Finanza ha sequestrato migliaia di magliette e sciarpe pronte per essere vendute. Lo scudetto bianconero sarebbe stata un'occasione d'oro per i falsari. Il materiale è stato sequestrato

I falsari sono già pronti alla vittoria dello scudetto della Juventus. Tanto che in un magazzino a Rondissone, nel torinese, magliette celebrative, sciarpe e gadget da tempo sono accatastati per essere tirati fuori e venduti. A scoprire la "fabbrica del falso" sono stati gli uomini della Guardia di Finanza di Torino, coordinati dal pm Alessandro Aghemo.

Le fiamme gialle hanno sequestrato 38 macchinari industriali utilizzati per falsificare l'abbigliamento e 5 mila capi già contraffatti. Oltre al marchio della Juventus, i falsari producevano t-shirt, felpe, bandane, sciarpe e quant'altro riguardasse importanti artisti musicali come i Muse, Emma, Laura Pausini, Depeche Mode. In particolare, è stato accertato dalla Guardia di Finanza, la produzione della merce contraffatta avveniva in base alla programmazione dei principali eventi sportivi o musicali, così da soddisfare immediatamente le richieste del mercato.

Nove le persone identificate durante la perquisizione del grosso magazzino. Sette di queste erano già note alle forze dell'ordine. Tra loro il capo dell'attività illecita, denunciato per i reati di produzione ed immissione in commercio di articoli contraffatti ovvero con segni mendaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento