rotate-mobile
Cronaca

Nell'armadio armi, munizioni e un giubbotto da postino, nei guai 38enne

L'abbigliamento di Poste Italiane sequestrato potrebbe essere stato utilizzato per commettere delle truffe. Sull'accaduto indagano i carabinieri

Si reca al bar e si vanta con titolare e avventori di avere pistole e fucili nella propria abitazione. Non solo dicerie perchè quando i militari hanno bussato alla porta di casa dell'uomo, 38 anni di Torino, hanno trovato un vero e proprio ripostiglio di armi nascoste nei mobili e nel magazzino: una pistola calibro 6,3, un fucile monocanna calibro 12, oltre 50 cartucce, un passamontagna in lana di colore nero, due scaldacollo di colore nero, un giubotto catarinfrangente giallo e blu con la scritta "Poste Italiane" e vestiario vario di Poste Italiane.

Nessuna delle armi risulta censita in banca dati. Sono in corso verifiche sulle armi per capire da dove arrivino e se siano state rubate, oltre ad accertamenti balistici per verificare se siano state usate, cioè se abbiano già sparato e in quali occasioni. L'abbigliamento di Poste Italiane sequestrato potrebbe essere stato utilizzato per commettere delle truffe. L'uomo, già in affidamento in prova ai servizi sociali, è stato arrestato per detenzione illegale di armi e munizioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nell'armadio armi, munizioni e un giubbotto da postino, nei guai 38enne

TorinoToday è in caricamento