Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Aurora / Via Carmagnola

I senzatetto tornano a dormire tra le macerie delle Grandi Motori

Le ex officine di via Carmagnola e corso Vigevano sono tornate ad ospitare quelle persone che non hanno più un posto dove andare

L’ultimo capitolo della storia delle ex Ogm si è consumato pochi giorni fa. Ignoti, infatti, hanno piegato le sbarre, forzandole con la disperazione di chi non ha un altro posto dove andare. Di chi ha bisogno di un tetto sopra la testa per tentare di ripararsi dal freddo e dalla pioggia di questi giorni. Siamo in via Carmagnola, nel cuore del quartiere Aurora. Dopo aver tentato invano di tornare a dormire nei locali caldaia della circoscrizione Sette i disperati si sono ripresi i vecchi stabilimenti delle Grandi Motori. O meglio ciò che ne resta. Le demolizioni portate avanti dagli operai della catena commerciale Esselunga di Milano hanno lasciato in piedi davvero poco. Gli interni delle ex Ogm sono praticamente un cumulo di macerie.

In piedi rimangono pochi locali e i muri tra corso Vercelli e via Cuneo. Delle stanze della disperazione, vecchio rifugio per clandestini e pusher, non c’è quasi più traccia. Anche i bagni di via Cuneo, ultimo appiglio dei senzatetto, sono stati buttati giù. Eppure nonostante la desolazione c’è ancora qualcuno che cerca con le unghie e con i denti di non arrendersi alle demolizioni e ad un futuro che parla di supermercati e di grattacieli.

Forti di una crisi che non ha più freni e dei ritardi nei lavori un gruppo di disperati ha ripreso possesso di quelle stanze un tempo vere e proprie centrali dello spaccio e del consumo della droga. Quei pochi irriducibili hanno deciso di tornare dove tutto ha avuto inizio. Aprendosi un nuovo varco davanti ai campetti da calcetto, largo quel che tanto che basta per far transitare una persona.

La gente va e viene, praticamente a tutte le ore del giorno mentre sui muri rimangono sempre i cartelli scritti in arabo e in italiano che parlano dell’arrivo di una nuova demolizione. “Di sicuro qui non ci si annoia mai – racconta un residente della zona -. Quei varchi erano stati chiusi meno di un mese fa ma qualcuno ha pensato bene di farli saltare di nuovo. E sarà sempre così finché non cominceranno a costruire”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I senzatetto tornano a dormire tra le macerie delle Grandi Motori

TorinoToday è in caricamento