menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schiamazzi e insulti ai giardini pubblici, 16 giovani rinviati a giudizio

Gli imputati devono rispondere di reati che vanno dal disturbo della quiete al danneggiamento passando per le ingiurie, le molestie e la violenza privata. I fatti risalgono all'estate del 2004

Costa caro a un gruppo di ragazzi di zona Campidoglio un fatto che risale all'estate di ben 7 anni fa. Gli schiamazzi ai giardini pubblici, ma soprattutto le loro reazioni alle proteste di due donne di una casa vicina, sono costati a sedici giovani torinesi un rinvio a giudizio e un processo in tribunale a Torino.

Gli imputati, tutti oggi di età compresa fra i 24 e i 34 anni, devono rispondere di reati che, a seconda delle condotte contestate, vanno dal disturbo della quiete al danneggiamento passando per le ingiurie, le molestie e la violenza privata. I fatti risalgono all'estate del 2004 e hanno avuto come palcoscenico i giardini pubblici di piazza Risorgimento, in zona Campidoglio.


Le donne, madre e figlia che abitano in un alloggio al piano rialzato, protestavano perché i frequentatori del giardino stazionavano vicino al loro balcone ascoltando musica, bevendo birra e conversando ad alta voce. Gli episodi si sono snodati nell'arco di parecchi giorni, e spesso hanno portato anche all'intervento dei vigili urbani di Torino. Ma gli avvocati difensori (Isabella Nacci, Valentina Zancan, Luigi Spitale) sottolineano che gli autori delle intemperanze non sono stati identificati con certezza assoluta. Il processo terminerà nel corso del mese di maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento