Identificati i vandali della scuola media di Chivasso, uno è stato denunciato

Si tratta di un 17enne, è ritenuto responsabile di danneggiamento e interruzione di pubblico servizio

I carabinieri hanno identificato due giovani ritenuti responsabili dell'allagamento e delle scritte ingiuriose sulle lavagne delle aule della scuola media Dasso di Chivasso, scoperto dai bidelli la mattina di mercoledì 28 settembre.

Uno di loro, un 17enne residente nella cittadina, è stato denunciato per danneggiamento e interruzione di pubblico servizio alla procura dei minori di Torino mentre sull'altro, più giovane, sono in corso accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scuola è rimasta chiusa per un intervento di ripristino fino a oggi, quando i ragazzi hanno potuto riprendere le lezioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Violento acquazzone su mezza provincia: alberi caduti, allagamenti e ferrovia interrotta

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Colpo della dea bendata: il Superenalotto premia un giocatore con 37mila euro

  • Morte di Viviana Parisi, l'arrivo dei genitori da Torino e dei fratelli: martedì l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento