Cronaca Ceres

Il gelo paralizza gli spostamenti: scuole chiuse in 3 comuni, spalatori in azione

Previsti cali di temperatura fino a -12 gradi

Burian ha lasciato il segno. Dopo la neve, come previsto, è arrivato il gelo a causare difficoltà negli spostamenti. Proprio per questo motivo, tre comuni delle valli di Lanzo hanno optato per la chiusura delle scuole. Oggi, lunedì 26 febbraio, gli scolari di Traves, Cantoira e Ceres infatti resteranno a casa.

La decisione è stata presa nella serata di domenica dopo la tempesta di neve che si è abbattuta sul territorio. Saranno invece tutte aperte le scuole in Valle di Susa. Sulle montagne olimpiche domenica sono scesi circa 50 centimetri di neve: un ottimo auspicio per la conclusione della stagione dello sci.  

E Burian non darà tregua per tutta la settimana: di notte sono previsti cali di temperatura fino a -12. A Torino sono in azione 26 mezzi spargisale del Comune in modo tale da rendere praticabili l'area urbana e la collina e anche Gtt ha già messo in campo circa 180 addetti alla rimozione del ghiaccio alle fermate di bus e tram e agli ingressi della metro.  

In passato si sono registrate temperature record davvero impressionanti: la più bassa è quella del febbraio 1956, quando si registrò una temperatura di -21,8°; persino più fredda del -21,1° registrati secondo gli archivi storici il 26 gennaio 1795.

380 spalatori in azione a Torino

La neve e il ghiaccio che da domenica pomeriggio hanno iniziato a ricoprire Torino non hanno trovato impreparata la macchina di pronto intervento del Comune. Dalle 24 di sabato notte e fino alle 13 di ieri mattina hanno operato in città 34 mezzi insalatori per mettere in sicurezza le strade.

Le operazioni di spargimento del sale sono ripartite alle 18, dopo la nevicata: in strada erano presenti 37 mezzi, in “configurazione massima” tra le 22 e le 5 di questa mattina.

Alle 7.30 di oggi si è tornati al livello di pronto intervento, sono otto i mezzi attualmente in azione. Tre pale caricatrici e tre autocarri sono inoltre impegnate per spostare sale tra depositi.

Gli spalatori messi in azione da Gtt sono 180 e stanno mettendo in sicurezza le fermate del servizio pubblico di trasporto, mentre 200 ulteriori spalatori sono stati attivati per marciapiedi e attraversamenti pedonali in affiancamento ai 350 netturbini. Finora, sono state consumate 1500 tonnellate di sale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gelo paralizza gli spostamenti: scuole chiuse in 3 comuni, spalatori in azione

TorinoToday è in caricamento