Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Rebaudengo / Via Nino Oxilia

Scritte sui muri di una parrocchia, nuove minacce nel Rebaudengo

Un atto vandalico di chiara matrice anarchica ha rovinato i muri di chiese, scuole e supermercati. Rabbia tra i cittadini e i consiglieri della circoscrizione Sei

Tanto per non farsi mancare nulla gli anarchici hanno pensato bene di imbrattare di recente anche i muri di edifici religiosi e statali: vale a dire parrocchie, scuole e supermercati. L’episodio si è registrato tra i quartieri Barriera di Milano e Rebaudengo, nel cuore della Sesta circoscrizione. Sui mattoni marchiati con un pennarello nero sono comparse delle scritte in lingua italiana, i soliti messaggi di odio contro le forze dell’ordine, le istituzioni e gli inviti alla rivolta per coloro che oggi vivono nelle prigioni. Compresi gli anarchici fermati nei recenti scontri presso il cantiere della linea ferroviaria Torino – Lione. Classico e ormai ampiamente conosciuto il repertorio utilizzato.

Si va da “Fuoco alle galere”, il più presente, passando per “10-30 settembre 2013: Solidarietà con i prigionieri” e “Secondino mestiere infame”. Una decina le minacce comparse sui muri della parrocchia San Giuseppe Lavoratore di corso Vercelli e via Oxilia. Un tour di veleni piuttosto preoccupante che non ha risparmiato nessuno. Su via Oxilia sono comparse anche richieste di libertà per alcuni compagni, da Marianna a Simona passando per Ema e Andrea.

“Ancora una volta gli anarchici fanno il bello e il cattivo tempo nel quartiere – accusa il consigliere della Sei Adriano Barbieri -. Chiederemo all’amministrazione comunale di intervenire nella speranza che quegli scempi vengano rimossi”. Arrabbiati i cittadini. “Questi personaggi hanno rovinato tutti i muri del borgo – denuncia il signor Mauro -. Non c’è più una zona franca ormai. Quello che mi rammarica è che le istituzioni continuano ad ignorare le bravate di questi personaggi, proprio come se a loro fosse consentito tutto”.

Veleni sono apparsi anche sui muri di un supermercato, tra Via Cerano, via Reiss Romoli e via Pertengo. Da “Guardie e guardiani tutti infamoni” a “Non abbassare la guardia colpiscili”. Dura condanna dalla presidente della circoscrizione Nadia Conticelli. “Chi sceglie di imbrattare strade e muri si mette contro i cittadini e contro lo sforzo che il quartiere sta facendo per uscire dai suoi problemi” accusa Conticelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte sui muri di una parrocchia, nuove minacce nel Rebaudengo

TorinoToday è in caricamento