Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Feletto

Scritte sui muri e atti vandalici. Esplode la protesta in Barriera

I residenti e i commercianti della zona sono stufi dei continui disagi causati dagli anarchici. "Abbiamo decine di muri devastati e pieni di scritte"

Muri imbrattati e cassonetti rovesciati. Per i residenti e i commercianti la settimana non è stata delle migliori. Colpa degli anarchici che hanno scelto una delle zone più critiche della città per lanciare dei messaggi di odio e inviti alla rivolta contro le forze dell'ordine e le banche. Una decina le scritte apparse tra le abitazioni presenti tra via Sesia e corso Giulio Cesare. Si va dalle contestazioni contro gli sfratti  alle minacce verso le filiali bancarie. Queste ultime prese da assalto anche con la vernice. Un tour di messaggi deliranti che continua con i soliti attacchi alle forze dell’ordine, dai militari alla polizia. Senza dimenticare i messaggi di solidarietà ai clandestini e alle famiglie che si barricano in casa per non finire in mezzo ad una strada.

E mentre gli anarchici continuano a seminare veleni in Barriera di Milano i residenti e i commercianti tornano ad alzare la voce e a chiedere provvedimenti. “Avevamo appena subito un raid pochi mesi fa – spiegano seccate alcune famiglie di via Feletto -. Non è possibile che a questa gente sia permesso di venire qui e imbrattare i muri”. Non contenti gli anarchici hanno danneggiato la segnaletica Talk To, un progetto della circoscrizione realizzato recentemente con la collaborazione con alcuni ragazzi dell'istituto Ied Torino. Si tratta di semplici bollini verniciati sui marciapiedi, spesso visibili in prossimità dei grandi incroci.

Un gesto che ha scatenato l'ira della presidente Nadia Conticelli. ”Le indicazioni stradali per i pedoni, disegnate da alcuni artisti, erano il simbolo del riscatto del nostro quartiere – dichiara Conticelli -. Una nota di allegria per i bambini della Barriera che questi signori hanno pensato bene di imbrattare”. Ma chi pagherà per la pulizia dei muri? “É del tutto inaccettabile che gruppi preorganizzati mettano a ferro e fuoco un intero quartiere – continua Conticelli -. Abbiamo decine di muri devastati, pieni di scritte che creano solo tensione e disordini. E sinceramente non so proprio chi ci aiuterà a pulire tale scempio”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte sui muri e atti vandalici. Esplode la protesta in Barriera

TorinoToday è in caricamento