rotate-mobile
Cronaca Vanchiglia / Corso Regina Margherita, 51

Sfratto a sorpresa, serata di tensioni in corso Regina Margherita

Intervento della polizia per rimuovere il presidio, gli antagonisti rispondono con lancio di pietre e bottiglie. Poi la situazione torna alla calma

Non si sono fermate e anzi sono aumentate le tensioni nella serata di ieri, venerdì 14 ottobre, in corso Regina Margherita, davanti al civico 51, dove in mattinata era stato eseguito uno sfratto a sorpresa ai danni di una famiglia marocchina.

Dopo una lunga trattativa durante cui gli sfrattati, assistiti dallo sportello antagonista Prendocasa (nato nell'ambito del centro sociale Askatasuna) e dall'avvocato Alessio Ariotto, hanno rifiutato il trasferimento al Sermig, ed erano tornati a occupare lo stabile insieme ad altre persone, in serata la polizia ha effettuato un intervento per allontanarli. Gli antagonisti, che già dal pomeriggio avevano bloccato il controviale antistante l'appartamento con cassonetti e altre barricate, hanno risposto con il lancio di pietre e bottiglie. Accesi anche alcuni fumogeni.

Il video tratto dal sito antagonista www.infoaut.org:

Dopo l'accaduto gli agenti hanno lasciato la zona e la famiglia marocchina è tornata all'interno dell'appartamento, che è rimasto gravemente danneggiato da coloro che hanno eseguito lo sfratto. Tutto lo stabile è di proprietà di Giorgio Molino, noto alle cronache come 'il ras delle soffitte' contro cui i manifestanti hanno scandito numerosi slogan. Al momento i servizi sociali del Comune non sono riusciti a trovare una soluzione.

Un altro momento del presidio:

presidio-antagonisti-sfratto-said-corso-regina-margherita-51-161014-2-2

Le barricate e il presidio del pomeriggio:

Barricate antagonisti per sfratto a sorpresa corso Regina Margherita - 14 ottobre 2016

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratto a sorpresa, serata di tensioni in corso Regina Margherita

TorinoToday è in caricamento