Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Vanchiglia / Piazza Santa Giulia

Piazza Santa Giulia, prime denunce: una ragazza nei guai, in giornata altri

Il numero potrebbe presto salire. I poliziotti feriti sono stati quattro, secondo Askatasuna anche altri sei frequentatori della movida hanno riportato danni

Il caos in piazza nella serata di martedì 20 giugno

C'è una ragazza denunciata per resistenza dalla Digos per gli scontri avvenuti ieri sera, martedì 20 giugno 2017, in piazza Santa Giulia. Nelle prossime ore il numero potrebbe aumentare poiché gli investigatori stanno riconoscendo numerose persone già note nei filmati dell'episodio.

Si tratterebbe di una trentina di soggetti che hanno accerchiato alcuni agenti che erano alla fine del servizio di controllo. I poliziotti feriti sono stati quattro, mentre gli esponenti del centro sociale Askatasuna sostengono che vi siano sei persone ferite tra coloro che stavano frequentando i locali notturni.

In piazza Santa Giulia, intanto, c'è divisione tra gestori dei locali e residenti sull'opportunità e la gestione dei controlli. 

Cinzia Trentanelli, titolare del Barricata, critica le forze dell'ordine. "Nessuno - ha sostenuto - pensava che si mettessero a caricare la gente in mezzo ai tavoli. C'era anche il compleanno di un bambino. Quando ho visto che la situazione diventava pesante ho chiesto ai cuochi di aprire il retro per creare una via di fuga. Nella prima carica una mia collaboratrice è rimasta ferita a una spalla per salvare un bambino. Nella seconda mi è stato completamente devastato il locale".

Secondo Riccardo Olivieri, residente nel quartiere, "la polizia ha caricato la gente seduta nei déhors. Sembrava di essere in Israele e Palestina. C'è stata una gestione folle. C'erano famiglie in strada e la carica è stata indiscriminata. Gli antagonisti non c'entrano. È stata una rabbia collettiva. I controlli possono avere creato del nervosismo. Chi gestisce la piazza non può ordinare una carica in una situazione del genere. Ci sono state scene di panico. Quello che ho visto è stato raggelante. Il quartiere attende risposte e abbiamo avuto le cariche a chi viene a prendere l'aperitivo". 

Molti degli altri residenti, tuttavia, non la pensano come lui: "Tutte le sere, tutte le notti le persone che frequentano quei locali fanno casino. Non è vero che è stata una carica gratuita, perché sono stati loro ad aggredire la polizia. Giocano a pallone con le bottiglie della birra. Manca il rispetto. Dobbiamo chiedere il permesso per stare a casa nostra. Ogni sera ci sono due fasi dell'incubo. La seconda, che inizia dopo mezzanotte, è la più micidiale. Dobbiamo stare in casa con le serrande abbassate. E diventato un porcile. Nei garage ci va la maschera antigas per l'odore di urina. Se stasera viene la polizia saremo solidali con gli agenti".

Gli esponenti del centro sociale Askatasuna non vogliono che si parli di una loro responsabilità in quello che è accaduto. "Eravamo qui come tanti - sostiene Lorenzo, un portavoce -. A cercare il grande manovratore dei centri sociali si sbaglia. Siamo nel quartiere da 20 anni. Questa lettura non coglie quello che è successo. Non ho visto poliziotti picchiati. Non possiamo tollerare che si venga a intimidire le persone".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Santa Giulia, prime denunce: una ragazza nei guai, in giornata altri

TorinoToday è in caricamento