Cronaca Borgata Pradonio

Giaglione: bastoni e sassi dai No Tav contro le forze dell'ordine, che reagiscono con una carica e con i lacrimogeni

Protesta per l'ampliamento del cantiere

Il momento degli scontri all'ingresso Pradonio di Giaglione ieri pomeriggio

Tensioni e scontri nel pomeriggio di ieri, giovedì 10 dicembre 2020, all'ingresso Pradonio di Giaglione dove si è tenuta una manifestazione del movimento No Tav per protestare contro l'ampliamento del cantiere della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione nella zona dei Mulini. Un gruppo di meno di un centinaio di persone, staccatosi da un precedente presidio tenutosi a Venaus, ha raggiunto il cordone delle forze dell'ordine bersagliandolo con sassi e altri oggetti contundenti. Queste ultime hanno reagito con una carica di alleggerimento e con il lancio di lacrimogeni.

"Manifestare è sacrosanto, avere le proprie idee dissenzienti anche, ma creare problemi di ordine e sicurezza e scagliarsi contro persone che svolgono il compito per cui vengono pagate, poco e male, non solo non è degno di alcuna comprensione o rispetto, ma è e rimane un comportamento criminale, da stigmatizzare e da punire con la massima severità”, dice Valter Mazzetti, segretario generale della Fsp-Polizia.

Il movimento No Tav, invece, parla di "dispositivo militare di occupazione totalmente sproporzionato e completamente asservito alle esigenze di Telt nel tentativo di ridurre al silenzio l’opposizione alla grande opera inutile. La polizia che da questa mattina cinge d’assedio il paese ha caricato indiscriminatamente i No Tav e lanciato lacrimogeni appena la fiaccolata si è avvicinata al bivio per Giaglione, tentando poi di prendere alle spalle i manifestanti con un fitta coltre di gas lanciati alcuni ad altezza d’uomo, mentre altri hanno colpito il parabrezza di alcune auto di passaggio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giaglione: bastoni e sassi dai No Tav contro le forze dell'ordine, che reagiscono con una carica e con i lacrimogeni

TorinoToday è in caricamento