menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno scatto della manifestazione di ieri /foto da Twitter

Uno scatto della manifestazione di ieri /foto da Twitter

Giornata di tensione in Valsusa: 3 Carabinieri feriti dal lancio di pietre e bottiglie

Tre Carabinieri sono stati feriti dal lancio di pietre e bottiglie da parte dei manifestanti. Oltre ai momenti di tensione vissuti davanti a una centrale elettrica e al cantiere, c'è stato il blocco della statale 24 del Monginevro

Giornata tesa in Valsusa per le proteste degli attivisti No Tav, dopo la grande fiaccolata pacifica di domenica a Susa. Nella giornata di ieri ci sono stati nuovamente scontri a distanza con la Polizia da parte dei manifestanti più violenti: lanci di pietre, fumogeni e corpi contundenti hanno ferito in modo lieve tre Carabinieri. Per contro le forze dell'ordine hanno risposto con idranti e lacrimogeni.

Per l'8 dicembre era prevista una manifestazione a partire dalle ore 14. Il Movimento No Tav si è invece ritrovato già in mattinata a Giaglione per raggiungere - "senza preavviso" sottilinea la Questura - la Val Clarea quando, "senza motivazione evidente" un gruppo ha assalito alcuni contingenti delle forze dei Polizia attestati a presidio della zona della centrale elettrica di Chiomonte.

Mentre le forze dell'ordine mettevano alcune griglie per sbarrare la strada ai manifestanti, questi ultimi replicavano lanciano pietre e fumogeni verso la centrale Aem e occupando la strada statale 24 del Monginevro in segno di protesta. Un blocco che ha provocato non pochi disagi visto il giorno di festa dell'Immacolata: una macchina, che voleva forzare il blocco, è stata presa a calci dai manifestanti.

La situazione si è fatta ancora più tesa quando è arrivato un secondo gruppo di attivisti dai boschi. Tra questi c'erano alcuni consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che hanno definito la decisione dei poliziotti di bloccare il corteo "vergognosa", visto che la manifestazione era autorizzata.

Nella zona del cantiere di Chiomonte la giornata ha vissuto il suo momento peggiore. Da quanto riferito dalla Questura di Torino, si è assistito anche al lancio di pietre tramite fionde, oltre al continuo utilizzo di bottiglie e materiale esplodente. In questo frangente si è registrato il ferimento di tre Carabinieri che hanno riportato lesioni di varia entità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento