menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No Tav, petardi e lacrimogeni: notte di protesta al cantiere di Chiomonte

Da quando sono riprese le proteste non si sono ancora verificati scontri veri e propri, ma le forze dell'ordine sono state comunque disturbate dagli attivisti. Sul presunto guasto al Tvg di lunedì è stato aperto un fascicolo contro ignoti per sabotaggio

Lancio di fuochi d'artificio, nella notte, al catiere della Torino-Lione di Chiomonte. Un centinaio di manifestanti No Tav, nella cosiddetta "passeggiata notturna al cantiere", sono stati fermati dalle forze dell'ordine, le quali hanno risposto ai fuochi d'artificio con alcuni lacrimogeni. La manifestazione, oltre questo momento di tensione, non ha comunque generato ulteriori scontri.

Da qualche settimana gli attivisti No Tav hanno ripreso a protestare in Val Susa contro il treno ad alta velocità che dovrà collegare Torino a Lione, creando, inoltre, delle barricate artigianali per impedire eventuali avanzate delle forze dell'ordine. Salvo la manifestazione di ieri sera, al momento, non si sono ancora verificati scontri degni di nota. Le forze dell'ordine, tuttavia, sono state bersagliate nei giorni scorsi da dimostrazioni rumorose e alcuni chiodi sono stati lasciati sulla strada che porta al cantiere, danneggiando le gomme delle auto di alcuni operai.

Intanto sul presunto guasto tecnico dal Tvg - che lunedì ha bloccato i passeggeri in Val Susa per ben tre ore - è stato aperto un fascicolo contro ignoti: l'ipotesi, più avvalorata è, infatti, il sabotaggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento