Pensionato scomparso, i vicini: "Alcuni uomini hanno caricato in macchina un fagotto"

I vicini di casa avrebebro visto degli uomini trasportare da un'auto all'altra un tappeto con avvolto alal'interno qualcosa di pesante. Las procura ha, dunque, aperto un fascicolo per omicidio

Di Maurizio R., 64 anni di Bibiana non si hanno più notizie dal 1° aprile scorso, giorno in cui è stato visto per l'ultima volta. Dopo innumerevoli ricerche, si apre un'altra macabra pista, quella dell'omicidio.

Grazie alla testimonianza di alcuni vicini, infatti, la Procura apre un fascicolo. I testimoni avrebbero, infatti, visto, la notte in cui l'uomo è scomparso, alcune persone trasferire da un auto all'altra un tappeto in cui era avvolto qualcosa di pesante. I tizi, dileguatisi, sono stati poi fermati dai carabinieri fuori Bibiana, ma secondo gli agenti, del tappeto non vi era alcuna traccia. I vicini di casa, infatti, alla vista degli uomini avevano pensato ad un semplice furto e, pertanto, non si erano preoccupati di chiamare il 113.

Dalle indagini a seguito della testimonianza, tuttavia, è emerso che le persone a bordo dell'auto sono una famiglia di amici dell'uomo scomparso. Interrogati, si sono dichiarati innocenti, affermando che all'interno del tappeto c'era un cervo morto, trovato sulla strada ed abbandonato successivamente in uno spiazzo.

I carabinieri hanno ripreso le ricerche. Ad escludere l'ipotesi che l'uomo se ne sia andato volontariamente, un particolare: la cagnetta a cui era affezionato, rimasta a casa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Matrimonio da favola per Cristina Chiabotto e Marco Roscio: la festa alla Reggia

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Ragazzo di 18 anni si butta dal quarto piano, è gravissimo

  • Motociclista perde la vita dopo lo scontro con una macchina

Torna su
TorinoToday è in caricamento