Scippi seriali di borse a donne, arrestati il picchiatore e il suo autista

I colpi sparsi per la città a bordo di vetture rubate: l'antifurto satellitare di una li incastra

Quattro scippi, di cui due ancora in fase di accertamento, a danno di donne, avvenuti tra il 24 e il 26 agosto.

E' quanto la polizia contesta a un italiano di 55 anni e a un marocchino di 33 anni che sono stati arrestati.

Il primo era l'autista, al volante di una Y10 color amaranto che è stata vista in occasione dei colpi.

Il secondo metteva a segno materialmente gli scippi, spintonando le vittime e scaraventandole a terra.

In un'occasione il marocchino ha usato il coltello per minacciare la sua preda.

I colpi sono avvenuti in via Monti, in via Asinari di Bernezzo, corso Marconi e via Polo.

Ai due scippatori è stato fatale il cambio di auto: una compagnia assicurativa, grazie all’antifurto satellitare installato su una Fiat 500, ha indirizzato gli agenti in corso Moncalieri direzione corso Casale; il veicolo è stato poi fermato in via Cardinal Maurizio.

Inutile il tentativo di fuga a piedi del marocchino, che è stato bloccato poco dopo.

Sul veicolo c'era anche una serie di oggetti da scasso, mentre l'italiano aveva con sé nove mazzi di chiavi di auto.

A casa sua c'erano molti degli oggetti ed effetti personali rubati alle vittime.

E’ stata ritrovata anche la Y10, regolarmente parcheggiata nei pressi di corso Roma a Moncalieri.

Al suo interno sono stati recuperati altri oggetti rubati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

Torna su
TorinoToday è in caricamento