menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero e manifestazione dei lavoratori Tnt Express in piazza Castello

La protesta è contro il decreto del Ministero del Lavoro che specifica di non fare accordi per la cassa integrazione in deroga superiori agli 8 mesi. Attualmente la cig per la Tnt è fino a fine agosto. Coinvolti 329 lavoratori

Sciopero di 24 ore e manifestazione davanti alla Prefettura di Torino da parte dei lavoratori della Tnt Express.

Questa mattina una rappresentanza dei 400 dipendenti dello stabilimento di corso Giulio Cesare si è ritrovato in piazza Castello per protestare contro l'accordo firmato lo scorso 23 giugno dal ministero del Lavoro. Questo prevede il ricorso alla cassa integrazione in deroga per periodo non superiori agli otto mesi. Alla Tnt la cig scadrà il prossimo 31 agosto e la riorganizzazione aziendale avrà luogo nel 2015.

Poco prima di mezzogiorno la manifestazione si è spostata sotto il Comune di Torino. Il timore dei lavoratori è quello di una delocalizzazione da parte dell'azienda, con i lavoratori costretti o a trasferirsi in altre sedi, tra cui, magari, quella del Bangladesh o quella della Polonia. Pena il licenziamento.

Durante la protesta di questa mattina sono anche stati esposti alcuni striscioni: "Tnt, Tutti Noi Traditi", "Scaricati con un clic", "Chi ha affondato la barca non siamo noi" e altri in cui si menzionavano gli 854 lavoratori che, se dovessero rimanere a casa senza lavoro, sarebbero "condannate".

Il Piemonte è la regione che in Italia ha il maggior numero di esuberi. Se ne contano 267 su un totale di 854, quindi oltre un quarto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento