Università, 300 esami a rischio nella sessione autunnale: i docenti scioperano

La vertenza si trascina da tempo: i professori attendono lo sblocco degli scatti stipendiali

A rischio, il prossimo autunno, circa 300 esami universitari tra Università e Politecnico di Torino. Questa volta infatti, a ribellarsi sono i professori. Più di 5000 docenti in tutta Italia, di cui 301 torinesi, hanno annunciato al ministero la protesta che potrebbe creare non pochi disagi agli studenti nella prossima sessione autunnale.

Lo scopo è quello di ottenere l’adozione di un provvedimento di legge che prevede lo sblocco degli scatti stipendiali a partire dal 1° gennaio 2015 e non dal 1° gennaio 2016 come è attualmente. A portare allo sciopero i professori, una vertenza che si trascina da tempo e che non ha avuto ancora soluzione.

I docenti hanno spiegato che si asterranno dal sostenere il primo appello previsto dalla sessione autunnale, spostandolo alla successiva. Garantiranno comunque almeno un appello tra il 28 agosto e il 31 ottobre. Qualora la sessione prevedesse solo un appello, chiederanno all'ateneo una sua riprogrammazione dopo due settimane. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

Torna su
TorinoToday è in caricamento