menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo scheletro della protesta (foto CasaPound)

Lo scheletro della protesta (foto CasaPound)

Scheletri alle fermate Gtt contro la lunga attesa dei mezzi pubblici

Scheletri alle fermate dell'autobus. E' la protesta di CasaPound Italia contro il caro abbonamento e il taglio delle corse voluto da Gtt. "I torinesi rischiano di trasformarsi in scheletri"

Mentre in Sala Rossa si decide il futuro del Gruppo Torinese Trasporti, con il dubbio della vendita ai privati del 49% o dell'80%, in strada si protesta. CasaPound nella notte ha inscenato una forma di manifestazione singolare contro la lunga attesa che i clienti sono costretti a fare alle fermate prima che arrivino i bus e contro il rincaro dei biglietti.

Chi ha girato per la città ha notato gli scheletri finti appesi alle fermate con la scritta 'aspettavo l'autobus'. "I torinesi rischiano di trasformarsi in scheletri ogni volta che aspettano un bus od un tram - le parole del responsabile provinciale del movimento CasaPound Italia, Matteo Rossino -. Il servizio pubblico, già scadente, è stato del tutto affossato con lo scellerato taglio delle corse, deciso da Gtt con il benestare dell’amministrazione di centro sinistra”.

Meno di un anno fa biglietti e abbonamenti avevano subito un sensibile rincaro. Si era ad esempio passati dall'euro all'euro e cinquanta centesimi per un biglietto semplice, a fronte di 20 minuti di validità in più. Una giustificazione che però per CasaPound non ha senso. "Non contenta dei numerosi disservizi arrecati, Gtt ha altresì deciso un nuovo aumento del costo degli abbonamenti - commenta ancora Rossino -. Ora toccherà ai mensili, che saranno aumentati da ottobre”.

La protesta ha visto l'utilizzo di scheletri finti perché CasaPound lamenta l'interminabile attesa che i clienti devono farsi ad ogni fermata, in alcune più in alcune meno. "Per prendere la linea 55, che collega il centro con la popolosa zona di Santa Rita, il Palagiustizia ed il cimitero monumentale, si aspettano in media 20 minuti - ha spiegato Rossino - Altre linee strategiche sono state depotenziate rendendo decisamente sovraffollati i pochi mezzi di passaggio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento