Sparisce subito dopo il matrimonio: il giudice lo condanna a due anni

Ottenuto il permesso di soggiorno

immagine di repertorio

Quella arrivata a inizio settembre 2019 in tribunale a Ivrea è una vicenda da film. Il 28 ottobre 2014 a Settimo Torinese si erano sposati un nigeriano oggi 47enne e una torinese oggi 46enne, dopo una relazione che andava avanti da appena cinque mesi. Dopo le nozze, però, il marito, acquisito il diritto al permesso di soggiorno e la comunione dei beni con la sposa, affetta tra l'altro da un disturbo della personalità, aveva fatto perdere le proprie tracce svanendo nel nulla.

Adesso lui è stato condannato a due anni di reclusione e una multa di mille euro per circonvenzione di incapace. È stato difeso dall'avvocato Michele Poté, mentre la donna, che ha chiesto l'annullamento del matrimonio, è stata rappresentata dall'avvocato Elena Virano. Il giudice ha disposto per lei anche una provvisionale di altri mille euro, in attesa che un processo civile stabilisca l'ammontare complessivo del risarcimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

Torna su
TorinoToday è in caricamento